VILLA DI NERONE

SUBIACO
nam quia discumbentis Neronis apud Simbruina stagna [in villa], cui  Sublaqueum nomen est, ictae dapes mensaque disiecta erat…

Tacito, Annales 

 

… e poi la storia continua, ma forse è meglio se ve la racconto in italiano. Dunque siamo poco dopo il 60 d.C. L’Imperatore Nerone, ancor prima di pensare alla Domus Aurea a Roma (e dunque prima di quelle fastidiose accuse di piromania), si è fatto completare una sistemazione in campagna, presso una zona poco abitata lungo il corso del fiume Aniene. Si tratta di una struttura inedita e magnifica, per la cui costruzione gli architetti hanno dato prova di grande estro e capacità tecniche: la Villa si integra infatti con l’ambiente naturale circostante e lo modifica in modi impensabili per l’epoca. A caratterizzare la Villa sono infatti tre laghi artificiali, i Simbruina Stagna, appositamente creati per mezzo di altrettanti sbarramenti sul fiume.

Il racconto di Tacito è ambientato poco dopo l’inaugurazione della Villa, quando l’Imperatore si trova a fare i conti con un paio di cattivi presagi: un fulmine caduto sulla mensa e una brutta malattia contratta in seguito a una nuotata nei paraggi. La conclusione che ne deriva è ovvia: gli avversari sono pronti a un colpo di stato e gli dèi sono pure arrabbiati. Insomma, Nerone decide che è nettamente più sicuro starsene a Roma, dove è possibile tenere sotto controllo l’ambizione degli avversari politici e la suscettibilità degli dèi.

E la Villa? Beh, la struttura è troppo periferica rispetto a Roma e ai suoi interessi. Su di essa si abbatte indisturbata la damnatio memoriae e il conseguente reimpiego dei materiali: oggi il nucleo più completo è quello che comprende una parte delle sue terme e un ninfeo, che l’intraprendenza di San Benedetto da Norcia nel VI secolo trasformerà nell’abside del primo monastero da lui fondato: l’oratorio di San Clemente. Ma l’eredità della Villa di Nerone è anche e soprattutto simbolica. L’insediamento che di lì a breve si svilupperà a ridosso di quei laghi, da loro prenderà il nome di Subiaco (Sublaqueum, sotto i laghi, come dice Tacito).

Informazioni

Dall’esterno della recinzione si vede molto ma non tutto. Per cui consigliamo la visita nei giorni di apertura, che attualmente sono straordinari.

Aperture previste 2019

I RUDERI DELLA VILLA DI NERONE SONO ATTUALMENTE CHIUSI AL PUBBLICO
Per motivi di sicurezza attualmente l’accesso ai ruderi è interdetto fino a data da destinarsi. Nella speranza che possano essere risolte le criticità che impediscono l’apertura della Villa, ci impegniamo a tenervi aggiornati su futuri sviluppi.

LUOGHI CORRELATI

Villa di Nerone - Subiaco

nam quia discumbentis Neronis apud Simbruina stagna [in villa], cui  Sublaqueum nomen est, ictae dapes mensaque disiecta erat…

Tacito, Annales 

 

… e poi la storia continua, ma forse è meglio se ve la racconto in italiano. Dunque siamo poco dopo il 60 d.C. L’Imperatore Nerone, ancor prima di pensare alla Domus Aurea a Roma (e dunque prima di quelle fastidiose accuse di piromania), si è fatto completare una sistemazione in campagna, presso una zona poco abitata lungo il corso del fiume Aniene. Si tratta di una struttura inedita e magnifica, per la cui costruzione gli architetti hanno dato prova di grande estro e capacità tecniche: la Villa si integra infatti con l’ambiente naturale circostante e lo modifica in modi impensabili per l’epoca. A caratterizzare la Villa sono infatti tre laghi artificiali, i Simbruina Stagna, appositamente creati per mezzo di altrettanti sbarramenti sul fiume.

Il racconto di Tacito è ambientato poco dopo l’inaugurazione della Villa, quando l’Imperatore si trova a fare i conti con un paio di cattivi presagi: un fulmine caduto sulla mensa e una brutta malattia contratta in seguito a una nuotata nei paraggi. La conclusione che ne deriva è ovvia: gli avversari sono pronti a un colpo di stato e gli dèi sono pure arrabbiati. Insomma, Nerone decide che è nettamente più sicuro starsene a Roma, dove è possibile tenere sotto controllo l’ambizione degli avversari politici e la suscettibilità degli dèi.

E la Villa? Beh, la struttura è troppo periferica rispetto a Roma e ai suoi interessi. Su di essa si abbatte indisturbata la damnatio memoriae e il conseguente reimpiego dei materiali: oggi il nucleo più completo è quello che comprende una parte delle sue terme e un ninfeo, che l’intraprendenza di San Benedetto da Norcia nel VI secolo trasformerà nell’abside del primo monastero da lui fondato: l’oratorio di San Clemente. Ma l’eredità della Villa di Nerone è anche e soprattutto simbolica. L’insediamento che di lì a breve si svilupperà a ridosso di quei laghi, da loro prenderà il nome di Subiaco (Sublaqueum, sotto i laghi, come dice Tacito).

Informazioni

Dall’esterno della recinzione si vede molto ma non tutto. Per cui consigliamo la visita nei giorni di apertura, che attualmente sono straordinari.

Aperture previste 2019

I RUDERI DELLA VILLA DI NERONE SONO ATTUALMENTE CHIUSI AL PUBBLICO
Per motivi di sicurezza attualmente l’accesso ai ruderi è interdetto fino a data da destinarsi. Nella speranza che possano essere risolte le criticità che impediscono l’apertura della Villa, ci impegniamo a tenervi aggiornati su futuri sviluppi.

Villa di Nerone - Subiaco

Pin It on Pinterest

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi