info@ethea.org  +39 342.1938078  +39 328.0768821

villa di nerone

Subiaco |  da Roma  da L’Aquila  da TIVOLI  da FIUGGI

villa di nerone

Subiaco

 da Roma
 da L’Aquila
 da TIVOLI
 da FIUGGI

villa di nerone subiaco

Vuoi leggere subito le informazioni per la visita alla Villa di Nerone? Clicca qui!

Sulla riva destra del fiume Aniene, lungo la strada che conduce ai monasteri benedettini di Subiaco, sono situati alcuni resti della Villa di Nerone. I piccoli ambienti erano parte di una villa romana molto più complessa e articolata, successivamente utilizzata dallo stesso San Benedetto. Sebbene occupino un’area molto ridotta, i ruderi della villa di Nerone sono la testimonianza di una delle più originali e ambiziose opere della Roma Imperiale.

« … nam quia discumbentis Neronis apud Simbruina stagna [in villa], cui  Sublaqueum nomen est, ictae dapes mensaque disiecta erat… »

Tacito, Annales

La storia ce la racconta Tacito, e non ve la racconterò in latino. Dunque siamo poco dopo il 60 d.C. L’imperatore Nerone, ancor prima di pensare alla Domus Aurea a Roma (e dunque prima di quelle fastidiose accuse di piromania), si è fatto completare una sistemazione in campagna, presso una zona poco abitata lungo il corso del fiume Aniene. Si tratta di una struttura inedita e magnifica, per la cui costruzione gli architetti hanno dato prova di grande estro e capacità tecniche: la Villa si integra infatti con l’ambiente naturale circostante e lo modifica in modi impensabili per l’epoca. A caratterizzare la Villa sono infatti tre laghi artificiali, i Simbruina Stagna, appositamente creati per mezzo di altrettanti sbarramenti sul fiume.

Il racconto di Tacito è ambientato poco dopo l’inaugurazione della Villa, quando l’Imperatore si trova a fare i conti con un paio di cattivi presagi: un fulmine caduto sulla mensa e una brutta malattia contratta in seguito a una nuotata nei paraggi. La conclusione che ne deriva è ovvia: gli avversari sono pronti a un colpo di stato e gli dèi sono pure arrabbiati. Insomma, Nerone decide che è nettamente più sicuro starsene a Roma, dove è possibile tenere sotto controllo l’ambizione degli avversari politici e la suscettibilità degli dèi.

E la Villa? Beh, la struttura è troppo periferica rispetto a Roma e ai suoi interessi. Su di essa si abbatte indisturbata la damnatio memoriae e il conseguente reimpiego dei materiali: oggi il nucleo più completo è quello che comprende una parte delle sue terme e un ninfeo, che l’intraprendenza di San Benedetto da Norcia nel VI secolo trasformerà nell’abside del primo monastero da lui fondato: l’oratorio di San Clemente. Ma l’eredità della Villa di Nerone è anche e soprattutto simbolica. L’insediamento che di lì a breve si svilupperà a ridosso di quei laghi, da loro prenderà il nome di Subiaco (Sublaqueum, sotto i laghi, come dice Tacito).

Informazioni

utili

Informazioni utili

 | ORARI

I RUDERI DELLA VILLA DI NERONE SONO ATTUALMENTE CHIUSI AL PUBBLICO
Per motivi di sicurezza, attualmente l’accesso ai ruderi è interdetto fino a data da destinarsi. Nella speranza che possano essere risolte le criticità che impediscono l’apertura della Villa, ci impegniamo a tenervi aggiornati su futuri sviluppi.

| COSTI

| PARCHEGGIO

Sono presenti pochissimi posti macchina esattamente di fronte ai ruderi della Villa.

| ACCESSIBILITÀ

Internamente è un susseguirsi di quote irregolari, impossibile da visitare per chi ha serie difficoltà di deambulazione.

Share This

Questo sito non traccia alcun dato sensibile degli utenti e usa i cookie soltanto per conoscere le modalità di navigazione del sito, senza registrare né cedere informazioni personali a terzi. Se vuoi avere più informazioni a riguardo, puoi cliccare qui.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi