Ponte di San Francesco

SUBIACO

Diciamolo: è difficile trovare un’opera architettonica medievale così armonica e ben conservata. Il ponte di San Francesco, con l’ampia campata di quasi 40 metri che collega le due rive dell’Aniene e la sua caratteristica torretta di guardia, è diventato nel tempo l’emblema stesso della città di Subiaco. Ma anche un motivo d’orgoglio storico per la cittadinanza.

L’abate Ademaro, tipo piuttosto battagliero, lo fece costruire nel 1358 grazie ad una fonte di finanziamento particolarmente vantaggiosa: i soldi dei tiburtini. Già, perché la diocesi di Tivoli, sconfitta dai sublacensi nella battaglia di Campo d’Arco, fu costretta a pagare una discreta somma all’Abbazia di Subiaco per ottenere indietro i propri prigionieri. E l’Abbazia celebrò la vittoria con questa opera, che ancora oggi saluta chi entra in città.

Informazioni

Il ponte è pedonale ed è (ovviamente) sempre aperto. A meno che non siate conquistatori assetati di sangue.

 

Ponte di San Francesco

[shareaholic app=”share_buttons” id=”17473750″]

Diciamolo: è difficile trovare un’opera architettonica medievale così armonica e ben conservata. Il ponte di San Francesco, con l’ampia campata di quasi 40 metri che collega le due rive dell’Aniene e la sua caratteristica torretta di guardia, è diventato nel tempo l’emblema stesso della città di Subiaco. Ma anche un motivo d’orgoglio storico per la cittadinanza.

L’abate Ademaro, tipo piuttosto battagliero, lo fece costruire nel 1358 grazie ad una fonte di finanziamento particolarmente vantaggiosa: i soldi dei tiburtini. Già, perché la diocesi di Tivoli, sconfitta dai sublacensi nella battaglia di Campo d’Arco, fu costretta a pagare una discreta somma all’Abbazia di Subiaco per ottenere indietro i propri prigionieri. E l’Abbazia celebrò la vittoria con questa opera, che ancora oggi saluta chi entra in città.

Informazioni

Il ponte è pedonale ed è (ovviamente) sempre aperto. A meno che non siate conquistatori assetati di sangue.

 

Ponte di San Francesco

Pin It on Pinterest

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi