Seleziona una pagina

CERVARA
DI ROMA

Di Cervara parlarono le stelle.

Più che una gita fuori porta, una gita fuori dal tempo e dallo spazio. Esagero? Provare per credere. Perché a mille metri d’altezza, immersi in uno degli scenari paesaggistici più belli del Lazio, è facile (e decisamente piacevole) dimenticare l’esistenza di automobili, televisioni e computer. E scoprire il gusto di perdersi nei vicoli di Cervara di Roma alla scoperta delle impronte lasciate da due secoli di artisti che l’hanno frequentata e amata. Oscar Kochosca, Rafael Alberti, Ennio Morricone i più affezionati, ma anche Hebért, Ungaretti e Pasolini vollero lasciare traccia del loro passaggio. E così l’arte popola ancora oggi i muri delle case, giocando a rimpiattino con il paesaggio che le abitazioni stesse cercano di nascondere.

Cervara è senza dubbio uno dei paesi più suggestivi del Lazio. Per la posizione e per gli artisti che l’hanno frequentata, sicuramente. Ma anche perché i suoi vicoli raccontano l’eroismo quotidiano di chi nei secoli ha abitato un ambiente tanto bello quanto difficile, appeso a quelle poche montagne che lo separano dall’Abruzzo. Il Museo della Montagna è un buon modo per conoscere questo lato di Cervara.

Infine un tuffo nella natura lungo i sentieri di Prataglia, dove è possibile spiare i cervi nella loro area faunistica o raggiungere le rovine dell’antico borgo de La Prugna. Ah, prima di andar via, perché non provare una delle ottime locande presenti a Cervara? In fondo anche i viaggi fuori dal mondo mettono fame…

Laboratorio di ceramica artigianale

di Valentina e Giacomo
Cosa c'è da vedere a Cervara?

– Il centro storico, bellissimo

– La scalinata degli artisti, che vi porta fino ai ruderi della rocca medievale per poi riscendere

– Il Museo della Montagna, se è aperto

– L’area faunistica del cervo (loc. Prataglia)

– Il borgo diroccato de La Prugna (loc. Prataglia… con qualche minuto di cammino!)

Posso andarci tutto l'anno?

Naturalmente: è un paese, mica un ferramenta. Però proprio per questo ti sconsigliamo di andare in un giorno di pioggia e di portarti le catene se decidi di visitarla in inverno…

Cervara di Roma

Più che una gita fuori porta, una gita fuori dal tempo e dallo spazio. Esagero? Provare per credere. Perché a mille metri d’altezza, immersi in uno degli scenari paesaggistici più belli del Lazio, è facile (e decisamente piacevole) dimenticare l’esistenza di automobili, televisioni e computer. E scoprire il gusto di perdersi nei vicoli di Cervara di Roma alla scoperta delle impronte lasciate da due secoli di artisti che l’hanno frequentata e amata. Oscar Kochosca, Rafael Alberti, Ennio Morricone i più affezionati, ma anche Hebért, Ungaretti e Pasolini vollero lasciare traccia del loro passaggio. E così l’arte popola ancora oggi i muri delle case, giocando a rimpiattino con il paesaggio che le abitazioni stesse cercano di nascondere.

Cervara è senza dubbio uno dei paesi più suggestivi del Lazio. Per la posizione e per gli artisti che l’hanno frequentata, sicuramente. Ma anche perché i suoi vicoli raccontano l’eroismo quotidiano di chi nei secoli ha abitato un ambiente tanto bello quanto difficile, appeso a quelle poche montagne che lo separano dall’Abruzzo. Il Museo della Montagna è un buon modo per conoscere questo lato di Cervara.

Infine un tuffo nella natura lungo i sentieri di Prataglia, dove è possibile spiare i cervi nella loro area faunistica o raggiungere le rovine dell’antico borgo de La Prugna. Ah, prima di andar via, perché non provare una delle ottime locande presenti a Cervara? In fondo anche i viaggi fuori dal mondo mettono fame…

Laboratorio di ceramica artigianale

di Valentina e Giacomo
Cosa c'è da vedere a Cervara?

– Il centro storico, bellissimo

– La scalinata degli artisti, che vi porta fino ai ruderi della rocca medievale per poi riscendere

– Il Museo della Montagna, se è aperto

– L’area faunistica del cervo (loc. Prataglia)

– Il borgo diroccato de La Prugna (loc. Prataglia… con qualche minuto di cammino!)

Si può mangiare a Cervara?

Sì, ed è legale persino l’aperitivo. Ma non chiedete un’apericena: venne bandita nel 1523 dopo una sommossa popolare.

Posso andarci tutto l'anno?

Naturalmente: è un paese, mica un ferramenta. Però proprio per questo ti sconsigliamo di andare in un giorno di pioggia e di portarti le catene se decidi di visitarla in inverno…

Cervara di Roma

Pin It on Pinterest

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi